Fonte: Josh Calabrese, unsplash.com

Non c'è leader senza il team, ecco come perfezionare la leadership del team

Attraverso la mia vasta esperienza in ambienti di squadra, per lo più in una capacità sportiva o professionale, nonché all'interno di progetti di comunità, ho avuto la fortuna di apprendere passi cruciali che consentono a una squadra di massimizzare le prestazioni indipendentemente dalle circostanze. Senza una squadra un leader è irrilevante. Il leader è bravo solo quanto la loro squadra. È normale nella maggior parte delle aziende iniziare la settimana con il rituale di una riunione del lunedì mattina, a volte uno strumento motivante rapido ma spesso un calvario lungo, noioso, che consuma energia. Mangia in individui il tempo di colpire il terreno correndo all'inizio della settimana. Per questo motivo mette anche la pressione del tempo sull'incontro stesso. Al contrario, un incontro del venerdì pomeriggio come rituale consente una più ampia discussione della settimana passata, consentendo a più persone di contribuire efficacemente e dare loro un balzo critico verso la settimana a venire. Consentire alle persone di andare avanti con il proprio lavoro senza interruzioni quando si tratta di arrivare dopo lunedì mattina. Ma questa struttura è vantaggiosa solo con il giusto atteggiamento nei confronti della leadership del team.

Al fine di gestire un ambiente di leadership positiva, l'ego non può svolgere alcun ruolo all'interno della squadra, a qualsiasi livello. Sebbene una catena di comando costruita sulla competenza meritocratica sia importante e dovrebbe essere in atto, è più fondamentale che il comando decentralizzato sia diffuso in tutto il team, in linea con la divisione del lavoro all'interno dell'organizzazione. Ci sono due componenti cruciali nel gestire questo stile di lavoro di squadra, in primo luogo la meritocrazia non si basa sui meriti passati ma sulle azioni odierne e in secondo luogo che la divisione del lavoro è anche una diffusione della proprietà. In quanto tutti i membri del team hanno la piena proprietà non solo del proprio ruolo nel team, ma delle prestazioni e della visione strategica di tutto il team. Un concetto simile alla filosofia Extreme Ownership approvata da Jocko Willinck e Leif Babin. Entrambi sono ex Navy Seals e co-fondatori della consulenza aziendale, Echelon Front.

Fonte: Nik MacMillan, unspalsh.com

In un tale ambiente in cui un numero maggiore di individui può assumere ruoli di comando all'interno di una catena di comando, vi è un margine maggiore per una discussione più ampia e inclusiva, nuove idee innovative e brainstorming. Non tutti hanno bisogno di parlare ma tutti devono ascoltare. Il rispetto reciproco delle capacità, opinioni e punti di vista in combinazione con l'estrema proprietà renderà una squadra più solida in tempi difficili e più efficace in momenti di opportunità. Dirigere le tue opinioni o idee sull'attività da svolgere piuttosto che sul gruppo o su qualsiasi individuo all'interno del gruppo è un passaggio cruciale per attuare un'efficace leadership di squadra. Tutti devono agire e pensare in modo tale da essere reciprocamente responsabili dell'esito della squadra.

L'estrema onestà è un ulteriore elemento che non può essere ignorato. Quando il lavoro e inevitabilmente la competenza sono divisi all'interno di una squadra, ci deve essere una comprensione assoluta di ciò che è possibile e il periodo di tempo in cui è possibile. L'estrema onestà previene la sovrapromozione e la sottoutilizzazione, che deterioreranno la fiducia all'interno di una squadra nel tempo straordinario e stabiliranno un precedente negativo in futuro. Le critiche costruttive sono cruciali per il miglioramento continuo, ma la sua efficacia è vanificata senza fiducia ed estrema onestà. Soprattutto se una squadra si affida a idee innovative, le critiche costruttive devono svolgere un ruolo nelle discussioni.

Quando tutti questi principi vengono attuati contemporaneamente, una squadra si ritrova spesso a guadagnare slancio nel tempo, affrontando rapidamente sfide e contrattempi. Il team diventerà più agile indipendentemente dalle dimensioni e troverà quindi più facile cogliere le opportunità che i concorrenti mancheranno. Inoltre, l'incontro di un venerdì pomeriggio offre alle persone il tempo di valutare i loro pensieri sulla settimana passata, gli obiettivi e i cambiamenti che devono apportare per la settimana successiva. Scoprirai che la settimana finirà positivamente, anche in tempi di crisi. Inizierai lunedì con più energia e chiarezza su ciò che deve essere fatto. Ogni individuo avrà la proprietà dei propri compiti e in modo critico le prestazioni generali della squadra. Motivare tutti a iniziare il lunedì forte con un atteggiamento positivo per ottenerlo.

Nick è consulente di Mulberry Green Capital & Engaged Tracking