Foto di Bruno van der Kraan su Unsplash

Come definirti uno scrittore (e intenderlo)

è tempo di rivendicare il tuo titolo

Conosco un segreto su di te.

Vuoi condividere il tuo segreto e allo stesso tempo non lo dirai mai. Cosa direbbero le persone? Come ti penserebbero dopo aver appreso la verità?

Beh indovina un po '? Porto lo stesso onere, e dal momento che non puoi parlarne apertamente, lo farò.

Sei uno scrittore. Ecco, l'ho detto.

Stai già arrossendo e balbettando, negando ciò che sai è vero? Forse ti senti un po 'arrabbiato per essere stato esposto? Quindi continua a leggere, perché è necessario risolvere immediatamente questo problema.

Ma stai pensando?

Se non riesci a smettere di pensarci, non smettere di lavorarci.
Michael Jordan

La maggior parte degli scrittori si rende conto della propria vocazione quando sono ancora giovani, anche se alcuni arrivano dopo. Gli hobby e gli interessi vanno e vengono, ma quelli dell'infanzia hanno la tendenza a rimanere, anche se sono spinti sottoterra dalle responsabilità degli adulti.

Alcuni avidi lettori rimangono proprio questo, mentre altri iniziano a inventare le proprie storie. Potresti non aver scritto una parola per anni, ma l'idea ti assilla. Tieni un diario o scarabocchi di poesie quando ti senti triste. Leggi romanzi e pensi di poter fare altrettanto, se non meglio.

Questi momenti possono essere l'inizio di una carriera di scrittore se passi dal pensiero all'azione. Sognare non ti porta da nessuna parte, devi agire. Parlarne, pensarci o pianificarlo non è abbastanza.

Per essere uno scrittore, devi scrivere. E devi finire le tue cose.

Uno chef non serve una torta cruda. Un chirurgo non scarica gli strumenti a metà della chiusura di una ferita. E una scrittrice finisce ciò che inizia, non importa quanto sia difficile.

Stephen King ha detto che se hai pagato una fattura con i soldi guadagnati dalla scrittura, puoi definirti uno scrittore. Questo è vero per un professionista, ma tutti abbiamo obiettivi diversi e il denaro è solo uno.

Uno scrittore ha un prurito, una compulsione, un bisogno di esprimersi a parole. Sei tu e vuoi sapere come possederlo.

Non in pubblico

Scrivere non è necessariamente qualcosa di cui vergognarsi, ma farlo in privato e lavarsi le mani dopo.
Robert Heinlein

Quindi vuoi definirti uno scrittore, ma qualcosa ti sta trattenendo. Forse ti ricordi di essere stato licenziato o deriso da qualcuno la cui opinione contava: un genitore, un insegnante o un amico. Ti dissero che scrivere poesie era banale e scrivere storie d'amore era un patetico soddisfacimento dei desideri.

Ti hanno detto che le tue parole non erano buone e, per estensione, non erano buone. La vergogna risultante ti ha fatto seppellire la scrittura dove nessuno poteva trovarla e usarla contro di te.

Le cose adesso sono diverse. Sei cresciuto e nessuno può dirti cosa fare. Queste ferite sono profonde ma puoi guarirle senza terapia.

  1. Ricorda ciò che è stato detto e chi l'ha detto
  2. Scrivilo
  3. Scrivi una lettera a quella persona dicendo loro che avevano torto
  4. Brucia o strappa la lettera

Chiunque può scrivere, proprio come chiunque può cucinare. Ma non tutti possono farlo bene. Forse pensi di non essere abbastanza bravo perché non sei ancora Neil Gaiman o Stephen Covey.

Devi esercitarti. Scrivi più di mille parole, poi diecimila in più. Rendi la scrittura una parte centrale della tua vita in modo che diventi familiare. Perdi la paura della cosa che ami e diventa buono.

Nessuna parola da dire

Metti una parola dopo l'altra. Trova la parola giusta, mettila giù.
Neil Gaiman

Immagina questa scena. Sei a una riunione sociale e qualcuno che conosci chiede: "Quindi ho sentito che scrivi, a cosa stai lavorando?" Sorridono incoraggianti. cosa fai?

  • Volo: te ne vai il più presto possibile senza rispondere
  • Combatti: lo neghi o fai qualche commento autoironico
  • Congela: sei terrorizzato e incapace di parlare

Sei uno scrittore e le parole sono i tuoi strumenti. È tempo di usarli.

Hai bisogno di due storie; uno per te e uno per il tuo lavoro.

Foto di Patrick Fore su Unsplash

Cosa farebbe Super Me?

Inizio. Medio. Fine. I fatti. Dettagli. Condensare. Tracciare. Dillo.
Transformers: Revenge of the Fallen

Immaginati come uno scrittore fiducioso. Se è troppo difficile, crea un alter ego (perché pensi che gli autori usino i nomi di penna? Solo per l'anonimato?) Una scrittrice di supereroi che ti assomiglia ma si comporta come se fosse nata per farlo.

Ora chiediti WWSMD? Cosa farebbe Super Me?

Avrebbe affrontato il suo interlocutore e avrebbe sorriso. Quindi direbbe qualcosa del tipo: "È così gentile da chiedere a te. Sto lavorando ad alcuni racconti / pubblicando il mio romanzo / lavorando sul mio blog ".

Quando arrivano le domande di follow-up, è pronta con l'indirizzo del suo blog e una presentazione dell'ascensore per il suo libro. Non si vergogna di chi è. Ma non è nemmeno il suo lavoro; fa parte della sua vita, non del suo intero essere.

Quindi usa le tue abilità e scrivi quelle storie. Scrivi la tua descrizione così come sei adesso, sfruttando al meglio la tua posizione. Una sola frase dovrebbe fare. Quindi scrivi la parte successiva, dove rispondi a domande più profonde. Sii vago; dire che è in una fase iniziale o in fase di modifica o che prevedi di trovare un agente in futuro.

Se qualcuno fa domande personali come quanti soldi hai fatto, non arrabbiarti o metterti in imbarazzo. Trova le parole che puoi pronunciare con un sorriso, quindi cambia argomento.

"Quando realizzerò il mio primo milione, te lo farò sapere!"

Scrivere un pitch dell'ascensore è un ottimo esercizio per qualsiasi romanziere e ti costringe a condensare la tua storia nei suoi elementi essenziali. Provalo e troverai più facile scrivere query, sfocature e sinossi.

Non scoraggiarti dicendo che la tua scrittura non è seria o che non ti va bene. Nessuno vuole sentirlo. Non scusarti. Evita qualsiasi opinione, basta attenersi ai fatti oggettivi.

Niente paura

Nel corso degli anni ho imparato che quando la propria mente è decisa, questo diminuisce la paura; sapere cosa si deve fare elimina la paura.
Rosa Parks

La paura è al centro dei nostri problemi.

Non diciamo la verità sul nostro lavoro e su noi stessi perché temiamo un risultato immaginario. Come scrittori, siamo benedetti e maledetti con immaginazioni ben sviluppate, piene di mostri e disastri.

Non è mai così male come pensi che sarà. Esercitati prima nelle impostazioni a basso rischio. Prova la tua routine su un amico fidato, allo stesso modo in cui Chris Rock mette alla prova la sua routine in piccoli club prima di andare in tour. Modifica e regola fino a quando non ti senti soddisfatto.

Man mano che diventi più sicuro, espandi la tua arena. L'anno scorso il mio gruppo di scrittura online ha prodotto un'antologia di racconti. A ogni scrittore è stato assegnato il compito di convincere le persone a far parte del team di strada che sarebbe stato presto recensore. Volevo avvicinare le persone e chiedere qualcosa? Diavolo, no.

Dopo essermi calmato, ho scritto un breve post su Facebook che iniziava con "Come alcuni di voi sanno, sono uno scrittore". Scriverlo è stato meno spaventoso che parlarlo ad alta voce. Sono successe due cose sorprendenti.

Innanzitutto, molte persone hanno accettato di far parte del lancio, non sempre quelle che mi aspettavo.

E in secondo luogo, mi sono presentato al mio social network come scrittore e il cielo non è caduto. In effetti, è diventato molto più facile dirlo di persona.

Rivendicare il tuo titolo di scrittore è semplice

  1. Scrivi cose - e finiscila
  2. Rilascia la vecchia programmazione che non funziona più per te
  3. Scrivi la tua storia del nuovo te
  4. La pratica rende perfetti

Presto non avrai bisogno di un alter ego perché diventerai Super Me, scrittore orgoglioso e non aver paura di dirlo.

Dai, puoi farlo. Inizia oggi.