Sogno più intelligente; Come essere una storia di successo, piuttosto che un fantasista.

Il rapporto tra sogno e successo è complicato. Da un lato, è improbabile che tu senta nuove cose per la tua vita senza sogni. D'altra parte, solo essere un sognatore può mantenerti nel mondo di "un giorno". Un eterno fantasista senza un piano da eseguire.

"Se puoi sognarlo, puoi farlo" - Walt Disney

Le persone di maggior successo e ammirevoli hanno una vivida immaginazione e sono orgogliosi sognatori.

"Ho fatto molti sogni da bambino" - Bill Gates

Tutti i progressi e l'evoluzione sono stati il ​​risultato di questo processo. Si dice che se non riesci a vederlo non puoi farlo. Sognare ci dà la possibilità di visualizzare qualcosa che non abbiamo ancora visto fisicamente, incoraggiandoci a crearlo.

Ma quando avevo 19 anni, avevo avuto abbastanza sogni.

Per quanto riuscissi a ricordare, ero un grande sognatore e il mio sogno era diventare una Popstar. Guarderei "Top of the Pops", ogni venerdì, copiando le routine, sognando quando sarei stato dall'altra parte dello schermo.

Non avevamo molti soldi in giro e i miei stessi genitori non erano musicali o particolarmente creativi. Credevano nell'educazione, quindi nonostante i miei motivi per la lezione di danza, non ho ricevuto alcun curriculum. Non è stato fino a quando l'insegnante del coro ha davvero impressionato su di loro la sua opinione che avevo un "talento" che hanno deciso di farmi provare il piano.

Una volta che la mia eccitazione iniziale è passata, ho trovato il piano una specie di lavoro ingrato. Non potevo davvero farmi esercitare e le lezioni mi hanno portato fuori dalle mie lezioni preferite a scuola. Difficilmente Chopin, ho rinunciato dopo il secondo anno. Nonostante la spiegazione dei miei genitori secondo cui la maggior parte dei popstar suonava strumenti e scriveva le loro canzoni, ho deciso che non tutti lo erano e sarei stato uno di quelli che non lo erano.

Durante la mia adolescenza il mio sogno si è evoluto (cambiato). Dovevo fare l'attrice. Sono stato scelto per interpretare il ruolo principale nelle recite scolastiche, ero uno studente di dramma di grado A. Ho avuto "potenziale". A 18 anni ho seguito il processo di iscrizione alla Drama School ed è stato orribile. Costoso una volta che si tiene conto dei costi di viaggio, alloggio e applicazione, ho selezionato le 5 migliori scuole e fatto l'audizione per quelle.

Le audizioni sono state un caos. Molti di loro non sono riuscito a superare il primo round. Al prestigioso R.A.D.A, riuscivo a malapena a parlare mentre mi ponevano domande abbastanza semplici come "Raccontaci di un'opera teatrale che hai visto di recente". Il ricordo più chiaro che ho del processo è stato in piedi sulla strada dietro l'angolo da R.A.D.A, gridando a squarciagola, gridando al telefono: "Il mio cuore si sta spezzando". Era.

Fanculo i sogni, sono troppo dolorosi.

Ora sono tornato in un buon posto con il sogno; Penso che sia incredibilmente potente e importante se vuoi una vita ricca; la biografia di Cleopatra è "For the dreamers and doers". Ma so anche che esiste un modo giusto di sognare, e questo sta nel sognare la cosa e non nella presentazione della cosa.

Quando sognavo di essere una Popstar, la cosa che sognavo non era stare in studio per 24 ore ripassando lo stesso riff fino a quando non suonava proprio con il basso. Per poi decidere in realtà forse c'era un ritmo più interessante per il basso per punteggiare la melodia.

Quando ho sognato di fare l'attrice, per molti versi in realtà sognavo di essere il personaggio del film, sul bordo di una scogliera con i capelli che soffiavano nella brezza. Seduto in una roulotte da solo, leggere, leggere e rileggere le mie battute non c'era. Né tirava pinte dietro il bancone al quale avrei lavorato a lato delle audizioni, per pagare un piccolo appartamento, nel disperato tentativo di entrare in quel freddo trailer. Non c'era nulla di reale in quello che stavo sognando. Rimarrebbero quindi dove avrebbero dovuto essere. Come fantasie.

Attrice, scrittrice e comica, Amy Poehler afferma quanto segue:

“Lo fai perché farlo è la cosa. Il fare è la cosa. Parlare, preoccuparsi e pensare non è la cosa giusta. "

Non solo è stata ai Golden Globe, ma ha anche ospitato i Golden Globe. Quante persone lo sognano ?! Non ci è arrivata glamour dell'obiettivo finale, ma piuttosto concentrandosi sulla creazione e sul lavoro che avrebbero portato alla sua presenza. Qui è dove il potere dei sogni può essere manipolato.

Invece di vivere in una terra fantasy sognando di ospitare, potresti invece sognare ad occhi aperti e visualizzare di essere nella stanza di scrittura, lavorando a una sceneggiatura con altri scrittori e fumetti. Loro chi sono? Come sono fisicamente? Cosa fanno nel tempo libero?

Non si tratta di rendere più piccoli i tuoi sogni; si tratta di renderli reali. Rendendoli digeribili e colmando il divario tra raggiungerli nelle complessità del nostro mondo.

Quando i tuoi sogni iniziano a esistere nel mondo reale, puoi passare dal fantasista al creatore. Quando togli le delusioni infondate di grandiosità, apri la strada a risultati reali.

Naturalmente non c'è nulla di sbagliato nel volere che i tuoi sogni esistano sempre e solo nella tua mente. Come è così perfettamente descritto in "The Alchemist", questo è esattamente dove molte persone vogliono che rimangano:

"Sogni le tue pecore e le Piramidi, ma sei diverso da me, perché vuoi realizzare i tuoi sogni. Voglio solo sognare la Mecca ... Temo che sarebbe tutta una delusione, quindi preferisco solo sognarla. "

Ma molti di noi non sono così facilmente soddisfatti. Non vuoi solo sogni, vuoi esperienze, che siano o meno una delusione. Quindi, vedi il sogno. Quindi rivedilo, ma questa volta più vicino, più piccolo. E inseguilo giù, un piccolo passo alla volta.

Alexandra è una scrittrice, dj e professionista del marketing che vive a Londra. È una gemma e una femminista che adora i pantaloni in pelle e caffè.
Instagram.com/cleopatrasworldwide

Iscriviti alla nostra mailing list

Originariamente pubblicato su http://cleopatrasworldwide.com