Dami Lee su Come essere tutto in una volta

Dami Lee, vignettista e scrittore ... in un H Mart. Foto di Eunice Yooni Kim

Questa intervista è stata originariamente pubblicata nel numero di The Slant del 24 agosto 2018, una newsletter settimanale con notizie, media e cultura dell'americano asiatico. Vuoi altre funzionalità come questa? Iscriviti oggi gratuitamente.

Leggi la trascrizione di questa intervista.

Come immigrata per tre volte e ex-part-time a tempo parziale, la vignettista Dami Lee ha avuto la sua parte di lotte con l'appartenenza, la navigazione in nuove culture e la comprensione della sua identità. Nel suo nuovo libro, Be Everything At Once, Lee affronta le sfide della crescita e dell'età adulta attraverso l'obiettivo del suo mini-me dei cartoni animati.

Anche se non ha sempre usato i fumetti per condividere la sua storia, le sue esperienze nel disegnare cartoni per il suo giornale del college e il suo trasferimento in Corea poco dopo la laurea le hanno dato una tendenza più artistica mentre si adeguava alla sua nuova vita. "[Quando] sono tornato in Corea, disegnare fumetti e caricarli online è stato un buon modo per rimanere in contatto con i miei amici a casa", dice Lee.

Lee è stato ispirato non solo da battute quotidiane e battute interne, ma anche da tweet e umorismo gag. Uno dei suoi primi fumetti presentava un tweet che trasformava "La signora Jackson "nei testi di Misheard.

Lee non si aspettava la risposta: qualcuno si è persino tatuato il personaggio delle "quattro anguille" ("era pazzesco", dice). Ma attirò anche l'attenzione di un agente, il cui marito lo vide su Reddit. Ciò portò alle prime conversazioni su quello che alla fine divenne il libro di Lee.

“Inizialmente il concetto del libro era testi misheard tradotti in fumetti. Ma l'editore di Chronicle in realtà ha detto: "Penso che la tua storia sia più interessante e dovremmo concentrarci su di essa". Quindi abbiamo cambiato il concetto del libro. "

Ora, il suo libro e la maggior parte dei suoi fumetti sono incentrati su un personaggio dai maglioni rosa, la versione da cartone animato di Lee stessa, a la Lizzie McGuire. "È strano dire che sono io, ma sì", dice Lee. La falsa di Lee la percorre nella vita reale di Lee, sia che si tratti di documentare il suo processo creativo, di darle un consiglio di sé più giovane, sia di chiedersi perché trascorra così tanto tempo in Internet.

Be Everything At Once è la prima incursione di Lee in stampa. Fumetti mai visti prima documentano le prove e le tribolazioni della crescita e della navigazione di identità e sfide multiple e diventano persino un po 'più personali. Lee afferma che questa era una novità, allontanandosi dalle battute e dai giochi di parole su cui si era concentrata all'inizio della sua carriera.

Questo ha dato a Lee libero sfogo per provare un arco narrativo, qualcosa che non aveva avuto molte possibilità di fare online. "È più organizzato per raccontare una storia e la mia esperienza personale", afferma Lee. "Uso quei fumetti come un modo per documentare cose che accadono, come un diario di fumetti visivi".

Anche mentre passa ai supporti di stampa, Lee afferma che c'è ancora di più da condividere, affrontando argomenti più complessi e sfumati di quelli che possono inserirsi in quattro pannelli.

"È difficile perché molte delle cose che sono successe [durante il mio trasferimento in] ​​Corea, come il processo di ricerca di un lavoro quando sei straniero, le piccole differenze ... queste possono essere davvero difficili da catturare", afferma Lee. “Ci sono argomenti più pesanti e altre cose personali su cui desidero attingere. Ma allo stesso tempo, non sono sicuro se voglio che sia pubblico. Mi preoccupo anche che se racconto questa storia, c'è qualcosa che posso avere solo per me stesso? ”

Per ora, Lee si sta concentrando sul lancio del suo libro. Ospita il lancio di un libro a Brooklyn il 29 agosto, in una conversazione con il collega fumettista Adam Ellis. Ma parla ancora del suo successo come qualcuno che non si sarebbe mai aspettato che ciò accadesse. Riflettendo sulla sua recente prima visita al Comic-Con, Lee dice: "Ho fatto una firma lì, ed ero così nervoso che nessuno si sarebbe presentato. Ma la gente era davvero lì ed è stata la prima volta che ho davvero avuto modo di parlare con le persone nella vita reale. ”

Lee può minimizzare la sua viralità, ma è la vignettista dietro un certo numero di meme e fumetti che abbracciano la vasta portata di Internet. Di tanto in tanto corre ancora nei suoi cartoni animati, con suo grande divertimento. "C'è questo fumetto bandiera che viene memorizzato molto. Ero su Gypsy Housing e qualcuno ha pubblicato sul loro appartamento e scritto "un po 'su di me, adoro un buon meme umido" e hanno pubblicato il fumetto. Continuo a vedere i miei meme e ad incontrarli, ed è davvero divertente. "

Con il debutto del suo libro, Lee cattura una generazione di ventisometrie ambiziose e lungimiranti, che potrebbero desiderare di potersi ancora adattare a colture da bambino. "Mi piace pensare che l'intero libro sia un incapsulamento di ciò che sono", afferma Lee.

Il libro di Dami Lee Be Everything At Once è ora disponibile. Lee ospiterà il lancio di un libro a Brooklyn, New York, mercoledì 29 agosto, durante la quale converserà con Adam Ellis e risponderà alle domande del pubblico. Seguila su Instagram, Tumblr e Twitter per altro.