101: Una guida per una ragazza nera su come essere antirazzista

L'anti-oscurità come concetto esiste in tutte le parti del mondo come lo conosciamo. Si manifesta in forme diverse ed è più radicato in alcune culture che in altre. Tuttavia, la verità della questione è che siamo stati socialmente condizionati a credere agli stereotipi negativi che circondano i neri. I oltre 500 anni di colonialismo e imperialismo radicati nella disumanizzazione dei neri hanno avuto un impatto sul modo in cui oggi navighiamo nella vita. Questa storia ha beneficiato persone di altre razze, principalmente bianche. Chi nonostante siano in pochi a essere vivi i responsabili di quegli atti orrendi, tutti ne traggono beneficio. Allo stesso modo tutti i neri viventi soffrono di quegli atti orrendi oggi.

Pinterest

L'esperienza dei non neri con privilegi razziali viene a scapito del sostentamento dei neri. I concetti razzisti interiorizzati su neri e neri influenzano la percezione delle persone di noi e delle nostre relazioni.

"In una società razzista non è sufficiente essere non razzisti, dobbiamo essere antirazzisti" -Angela Davis.

Significa che per non essere razzisti i non neri devono usare attivamente il loro privilegio per denunciare il razzismo e cambiare l'attuale status quo. Altrimenti, la tua empatia è semplicemente performativa e ti senti a tuo agio nel continuare a beneficiare del privilegio razziale che viene a scapito della vita dei neri. Questo include, ma non si limita a, chiamare i tuoi amici e la tua famiglia quando fanno battute razziste. Comprendere come il razzismo come sistema funziona nel tuo paese e sforzarti di non permettergli di continuare e di essere più inclusivo dei neri, creando spazi che riconoscano la nostra esistenza e la celebrino. Permetti alle persone di colore di essere i narratori delle loro storie, ascoltandole davvero.

Ecco quindi 10 brevi guide su come non essere razzisti:

1. No, non puoi pronunciare la parola N. E no, non importa se i tuoi amici neri lo dicono o se "ti permettono" di dirlo. È un termine dispregiativo quando utilizzato da membri al di fuori della comunità nera. Inoltre, arrabbiarsi con i neri per averlo detto mentre non puoi dirlo, deriva dal diritto di pensare che anche tu hai il diritto di dirlo e di far parte di una comunità che è stata oppressa da oltre 500 anni non vogliono entrare in affari se non per beneficiare di tutte le cose "interessanti" che creano.

2. Non cercare di contraddire o discutere con i neri quando condividono le loro esperienze su cosa significhi navigare nella vita come neri. Non siete loro e non avete il diritto di ritenere le esperienze di qualcuno diverse dalle vostre come “giuste o sbagliate” o come “vere o false”.

3. Non è compito di una persona di colore trascorrere la propria esistenza educandoti su cose di base che puoi trovare su una ricerca su Google. Possono decidere di educarti e condividere le loro esperienze con te, ma non è tuo diritto ricevere questa “educazione” né è loro compito offrirtelo.

4. No, non puoi toccare i capelli di una persona di colore, soprattutto senza averlo precedentemente chiesto e la persona che lo ha accettato. Oltre ad avere connotazioni storiche razziste molto lunghe derivanti dal diritto dei corpi neri e da come i nostri corpi, in particolare le donne posteriori, siano sempre stati visti come proprietà pubblica, è solo strano. Non vai in giro a toccare le pance delle persone senza il loro permesso, vero? Almeno spero che non lo faccia.

5. Smetti di nascondere le tue osservazioni razziste o il tuo razzismo sul tuo amico nero a segno unico. “Non sono razzista, ho un amico nero. Il mio migliore amico è il nero ”. Avere amici neri non ti rende non razzista, né diminuisce il tuo razzismo. Allo stesso modo essere amici con le donne non diminuisce la tua misoginia.

6. Smetti di uscire con i neri perché vuoi far incazzare i tuoi genitori. Non siamo oggetti intercambiabili che puoi usare per la tua contorta vendetta sui tuoi genitori razzisti e poi buttarli via.

7. Smetti di fare battute razziste sotto la pretesa dell'umorismo oscuro. Le tue battute sugli stereotipi razziali su un gruppo emarginato di persone perpetrano la violenza, l'oppressione e l'emarginazione di queste stesse persone. Quindi sì, è più profondo delle semplici "battute".

8. Smetti di metterti al centro dell'attenzione durante le discussioni sul razzismo. Siediti e ascolta. Non si tratta di te o delle tue esperienze, figuriamoci di quanto ti senti male realizzando quanto sia radicato il razzismo nella nostra società e quanto influenzi la vita dei neri.

9. Ricorda che i neri non devono essere "carini" con te, parlare dolcemente con te o placare il tuo ego perché tu sia anti-razzista. La tua spinta al cambiamento dovrebbe essere radicata nel volere un trattamento umano equo per tutti gli esseri umani e che "L'ingiustizia ovunque è una minaccia alla giustizia ovunque" - Martin Luther King.

10. Smetti di provare ad essere daltonico perché pensi che ti renderà meno razzista o scuserà del tutto il tuo razzismo. Negare che il colore della pelle influisca sul modo in cui si naviga nel mondo e sui nostri mezzi di sussistenza con la scusa di non "vedere il colore" e vedere solo gli umani è razzista. Si rifiuta di riconoscere il tuo privilegio e di ignorare il razzismo perché non ti influenza. Prova a investire questa energia nel riconoscere il tuo privilegio e non permettere al colore della pelle di qualcuno di dettare il tuo trattamento nei suoi confronti.

Spero che questa guida ti abbia aiutato a capire il razzismo o i modi in cui hai e puoi essere razzista. Potrebbe metterti a disagio, ma questa è una reazione naturale a disimparare e ascoltare la verità. Ricorda che il razzismo è più grande di insulti o discriminazioni razziali. È un sistema predominante esistente in tutti e sette i nostri continenti a causa del colonialismo e dell'imperialismo. Colpisce il sostentamento dei neri ogni giorno, ovunque nel mondo.