5 errori che fanno i nuovi fotografi e come evitarli.

La fotografia è molto divertente e un grande hobby per iniziare, ma c'è molto da imparare quando si prende per la prima volta una macchina fotografica. Quando inizi per la prima volta, tutto può sembrare un po 'opprimente. Qui ho cercato di delineare i primi cinque errori che i fotografi principianti fanno e come evitarli. Spero che questo possa aiutarti a evitare alcuni degli errori più comuni che sembrano spuntare più e più volte.

Quei dannati momenti salienti.

Il ritaglio dei punti salienti è uno dei problemi più comuni che devono affrontare i nuovi fotografi. I momenti salienti sono spesso così sovraesposti che il sensore della videocamera non è in grado di registrare alcuna informazione nella parte sovraesposta dell'immagine. Quando ciò accade, non importa quanto si tenta di salvare l'immagine in post-elaborazione: non è possibile! Le informazioni non sono solo nel file.

Foto di Joshua Fuller su Unsplash

Ma che dire quando sorgono situazioni ad alto contrasto? C'è qualcosa che puoi fare? Il modo migliore per affrontare questa situazione è "esporre per i momenti salienti". Assicurati che le alte luci dell'immagine siano esposte correttamente, anche se questo probabilmente causerà la sottoesposizione delle ombre. Ma le ombre non sottoesposte sono altrettanto brutte delle luci tagliate? Bene in realtà no. Ecco perché: i moderni sensori per fotocamere sono molto più bravi a conservare le informazioni nell'ombra rispetto alle alte luci. La maggior parte dei fotografi scatta di proposito un punto fermo sottoesposto e quindi aumenta l'esposizione in seguito, riportando tutti i dettagli nelle ombre. Anche se questo potrebbe non essere necessario per tutti gli scenari, è un buon trucco avere la manica. Ma se lo farai, assicurati di girare in RAW ...

Scatto in JPEG.

Girare in JPEG non è in realtà il peccato che molti fotografi ti faranno credere che lo sia. Ci sono momenti in cui è effettivamente vantaggioso scattare in JPEG. Puoi scattare in una modalità burst molto più veloce, non c'è quasi nessuna post-elaborazione, file di dimensioni ridotte e talvolta non è necessario modificare affatto se si tratta solo di scatti personali.

Tutto questo suona piuttosto bene, quindi perché non tutti giriamo sempre in JPEG? Quando si riprendono i JPEG tra cui si preme l'otturatore e l'immagine acquisita, il processore nella fotocamera "termina" l'immagine, eseguendo effettivamente la post elaborazione per te. Ciò significa che il processo è completo e non hai altro da fare. Ma se vuoi fare qualsiasi quantità della tua post-elaborazione sulle tue immagini, è consigliabile girare in RAW. La fotocamera acquisirà molte più informazioni, il che ti darà molte più informazioni e portata con cui giocare mentre modifichi. La post-elaborazione gioca un ruolo importante nello sviluppo del tuo stile.

"Lo riparerò in Photoshop più tardi".

di Sabri Tuzcu su Unsplash

No, non lo farai. Una volta che hai acquisito familiarità con la modifica delle tue immagini RAW nel software di fotoritocco, c'è spesso il rischio di pigrizia durante le riprese. Improvvisamente l'esposizione giusta nella fotocamera non sembra una priorità quando puoi semplicemente ripararla in seguito. Perché preoccuparsi di ottenere il bilanciamento del bianco giusto quando è possibile correggerlo in seguito?

Photoshop è un software incredibile e ha davvero cambiato ciò che è diventato possibile nel mondo della fotografia, ma con ciò è diventato fin troppo facile dire: "Non preoccuparti, posso risolverlo in seguito in Photoshop!" E sì, a volte puoi, ma dovremmo fare affidamento su di esso così pesantemente? Il pericolo è che una volta che inizi a prendere scorciatoie in un'area della fotografia, sei sicuro di iniziare a prendere scorciatoie anche altrove! Avevo lo stesso approccio quando ho scoperto per la prima volta le meraviglie di Photoshop, ma poco dopo mi sono reso conto che ero meno metodico nel modo in cui lavoravo, risultando in una composizione sciatta. Poiché altre aree dell'imbarcazione stavano diventando facili, il mio cervello finì con il pilota automatico e stavo riflettendo meno sugli altri fattori che compongono un'immagine. Ricorda sempre che una cattiva immagine è una cattiva immagine, non importa per quanto tempo ti siedi davanti allo schermo del tuo computer cercando di risolverlo in post!

Scatto in modalità burst!

di Christopher Flynn su Unsplash

Come per tutte le cose della vita, la pratica rende perfetti e la fotografia non fa assolutamente eccezione a questa regola. Qualcuno (la fonte originale è spesso contestata) una volta ha detto che le tue prime 10.000 fotografie saranno piuttosto terribili. Sono assolutamente d'accordo con questa affermazione, ma sono qui per dirti che puoi effettivamente migliorare le tue abilità sparando di meno! Ascoltami. Ai tempi delle fotocamere a pellicola, i rotoli di pellicola arrivavano in 12, 24 o 36 esposizioni. E il film non era economico, quindi probabilmente non avresti saltato attraverso dieci rotoli su base giornaliera. Ciò significava che ogni volta che si premeva il pulsante di scatto dell'otturatore, c'era una grande quantità di pensieri in ogni scatto.

La fotografia digitale è di gran lunga più economica e accessibile della fotografia analogica e, anche con la più piccola delle schede di memoria, è possibile acquisire molte più immagini. Ma ora abbiamo il problema del "superamento". Quando ti viene data la possibilità di scattare migliaia di foto al giorno, quanto pensi stai mettendo in ciascuna di quelle foto? Solo perché stai superando i primi 10.000 colpi più velocemente, ciò non significa che stai sviluppando le tue abilità più velocemente! Un esercizio che raccomando è uscire per la giornata e sfidare te stesso a scattare solo 12 foto. Limitando te stesso, dovresti scoprire che sei molto più premuroso su ogni acquisizione, portando allo sviluppo molto più rapido delle tue abilità.

Editing non realistico.

di reza shayestehpour su Unsplash

La modifica delle immagini al primo avvio può essere un campo minato assoluto. Le opzioni sono travolgenti con tante levette e cursori sullo schermo quante sono nella fotocamera quando inizi a conoscere i triangoli di esposizione e la composizione. È fin troppo facile immergersi e iniziare a impazzire con i cursori, perdendo traccia del tuo obiettivo iniziale con ogni immagine e se non stai attento, presto finirai con un po 'di confusione sulle mani. Come molte cose nella vita, meno è di più ed è consigliabile iniziare con il minimo di aggiustamenti. La post-elaborazione non dovrebbe mai sminuire il soggetto della foto, quindi cerca sempre di assicurarti che le tue modifiche stiano migliorando la tua immagine e non siano opprimenti.

Una tattica che potresti voler utilizzare all'inizio è quella di avere il file originale affiancato alla versione che stai modificando per assicurarti di non allontanarti troppo da quello che hai visto inizialmente quando hai scattato la foto. Se la differenza inizia a diventare troppo drastica, allora potresti esserti allontanato troppo!

Quindi ci sono cinque consigli che vorrei che qualcuno mi avesse detto quando ho iniziato a studiare! Spero che questo elenco ti aiuti nel tuo viaggio a diventare un fotografo fantastico. Di quali errori vorresti che qualcuno ti avesse avvertito e come li hai superati? Fammi sapere!

Se ti è piaciuto questo articolo, considera di condividerlo sul tuo social media preferito o tieni semplicemente premuto il pulsante "clap" per alcuni applausi. Grazie!

Segui Bradley su Twitter per i tweet su film, sceneggiature e articoli generici

Segui Bradley su Instagram per le foto di ciò che ha mangiato oggi.